LA CICLOVIA APPENNINICA ALTE MARCHE DIVENTA REALTA’

L’ Unione Montana Catria Nerone presenta il logo che caratterizzerà i percorsi ciclabili delle Alte Marche: CAAM, Ciclovia Appenninica Alte Marche! La Ciclovia Alte Marche diventa realtà, ma soprattutto è la prima ciclovia delle aree interne della Regione Marche ad essere realizzata con un investimento di circa 350mila euro.

Grande soddisfazione anche del Presidente della Provincia Giuseppe Paolini che ci tiene a rivendicare un successo che fa parte del consolidato percorso della Strategia Aree Interne Appennino Pesarese Anconetano: “Per questo importante lavoro di squadra, un ringraziamento va agli amministratori e ai tecnici per il lavoro costante degli ultimi anni che permette a questa area di grande bellezza e con un enorme patrimonio naturalistico e storico-culturale di essere ancora più valorizzata con la fruizione ciclistica”.

La futura Ciclovia avrà un percorso ad anello, dieci tratti da percorrere singolarmente o interamente, che collegheranno i 9 Comuni della SNAI: Comune di Acqualagna, Comune di Apecchio, Comune di Arcevia, Comune di Cagli, Comune di Cantiano, Comune di Frontone, Comune di Piobbico, Comune di Sassoferrato, Comune di Serra Sant’Abbondio.

“Avere la possibilità di fruire di questi percorsi ciclabili – afferma il Presidente dell’Unione Montana del Catria e Nerone, Alberto Alessandri – è fondamentale non solo per accogliere i ciclisti sempre più numerosi, ma anche perché questi percorsi permettono di collegare tutti i comuni della strategia e quindi favoriscono la promozione del territorio collegando gli Asili dell’Appennino, l’ospitalità diffusa, l’escursionismo e l’enogastronomia, tutti elementi di grandissima potenzialità, tanto più se promossi in sinergia”.

L’intero percorso sarà completamente tabellato e messo in sicurezza, inoltre in ogni comune verrà predisposta una stazione bike point per informazioni, assistenza meccanica e ricarica per e-bike con possibilità di affittare biciclette a pedalata assistita.

La Strategia ha come obiettivo quello di migliorare l’accessibilità sia per i residenti che per i cicloturisti con azioni legate al trasporto locale che permetteranno, quindi, a chi vorrà spostarsi parzialmente in bicicletta di fruire di modalità di trasporto pubblico, anche a chiamata, in modo da raggiungere le varie località. Si sta cercando di avviare al più presto il progetto di installazione di colonnine dove sarà attivo il sistema di cardio protezione per garantire di pedalare in serenità e di essere prontamente soccorsi in caso di necessità.

Il logo si racconta visivamente nell’acronimo CAAM (Ciclo Appenninica Alte Marche) con il profilo stilizzato che richiama i paesaggi dell’area interna, cogliendone cromaticamente le tonalità. “Su questa progettualità la Giunta dell’Unione Montana del Catria e Nerone punta tantissimo – ci spiega Massimo Cardellini, Assessore al Turismo dell’Unione Montana – è uno dei primi progetti avviati e completati dai nuovi amministratori e sarà la chiave di volta della promozione del nostro brand Alte Marche appena presentato e su cui puntiamo per il rilancio dell’intera area interna”. Non appena saremo tutti più liberi di muoverci, prepariamoci a pedalare nelle Alte Marche.

© 2020 Unione Montana del Catria e del Nerone (Area Informatica). Tutti i diritti riservati